Provaci a 4,90€. Clicca qui ➔

Abbandono del carrello, come evitarlo e come recuperare il cliente 

L’abbandono del carrello è un fenomeno che può veramente creare problemi all’eCommerce. Per arginarlo si può lavorare su diversi aspetti. Uno di questi è l’imprementazione dell’autorevolezza del sito, autorevolezza che viene raggiunta anche grazie a un’attività di link building. L’eCommerce si posiziona meglio nella SERO e questo da maggiore fiducia anche ai consumatori. 

abbandono-carrello

Sei riuscito a costruire un eCommerce di successo, vendi prodotti interessanti e le persone accedono al tuo portale inserendo i prodotti nel carrello. Hai seguito tutte le regole d’oro del posizionamento SEO e utilizzi i social in modo coinvolgente eppure, l’abbandono del carrello continua ad essere un problema.

Mantenere l’interesse dei clienti e farli tornare più volte è il Sacro Graal dell’eCommerce, ma per molti rivenditori è una lotta. Secondo una ricerca, il tasso di abbandono dei carrelli degli acquisti online raggiunge il 70%. Un rapporto rivela invece che il tasso di abbandono del carrello nei siti di e-commerce raggiunge il 66,6%. Ciò significa che quasi due clienti potenziali su tre abbandonano il negozio senza acquistare nulla. Per questo motivo è necessario prestare attenzione al tasso di abbandono del carrello e trovare il modo di ridurlo. Qui ti darò alcuni consigli utili per affrontare questo problema e aumentare le vendite del tuo negozio online.

Perché è così importante ridurre il tasso di abbandono del carrello?

Le ragioni per cui i clienti decidono di non acquistare sono molteplici, ma la principale è che non sono pronti a impegnarsi in un acquisto. Forse non sono sicuri del prodotto o hanno bisogno di maggiori informazioni prima di prendere una decisione. L’altro motivo è che i clienti possono avere problemi tecnici durante l’acquisto. Potrebbero distrarsi e abbandonare il carrello, oppure non riuscire a trovare le informazioni necessarie per completare l’acquisto. Puoi utilizzare questi suggerimenti per mantenere i clienti online, aiutarli a prendere una decisione e aumentare le vendite del negozio.

Come evitare l’abbandono del carrello

Devi sapere che uno dei fattori predominanti che porta gli utenti lontani da un e-commerce è la mancanza di fiducia; questa si costruisce col tempo ma anche avendo un buon nome. Oltre a lavorare sul personal branding c’è un fattore determinante che può aiutare gli utenti a fidarsi di te: il posizionamento SEO. Vedere il tuo e-commerce in prima pagina, magari anche con tante recensioni positive, può convincere le persone a procedere nell’acquisto.

Per fare in modo che questo accada sicuramente può esserti utile la tattica conosciuta come link building. Se per le attività locali è consigliata la local SEO, nel caso di un’attività online è la link building a fare la differenza. Per i motori di ricerca e Google in special modo, avere un sito web ben posizionato passa anche dalla quantità di link ricevuti. Più una pagina riceve link di qualità, più sarà ritenuta rilevante e di conseguenza potrà scalare la SERP.

Ma quali sono le tecniche per migliorare le vendite ed evitare che gli utenti scappino abbandonando il carrello pieno prima di compiere l’acquisto?

Facilitare il processo di checkout

Il primo passo per ridurre l’abbandono del carrello è rendere più semplice il processo di checkout. I clienti abbandonano il carrello se il processo di acquisto è troppo lungo o complicato. Puoi fare in modo che non abbandonino il carrello rendendo il processo il più semplice possibile. Evita di porre domande inutili e di far inserire ai clienti dati troppo lunghi. Mantieni il processo di checkout breve e assicurati che sia facile da navigare. Includi solo i campi necessari e rendili il più brevi possibile.

Aggiungere una garanzia di spedizione affidabile

Se prometti di consegnare il prodotto in modo rapido ed efficiente, ma poi non lo fai, perderai la fiducia di molti clienti. Questo può portare a un aumento dell’abbandono del carrello. Ma se aggiungi una sezione di garanzia di spedizione affidabile nelle pagine dei prodotti, puoi ridurre l’abbandono del carrello. Molti clienti sono riluttanti ad acquistare articoli che devono aspettare a lungo per riceverli. Temono che il prodotto non arrivi in tempo o non arrivi affatto. Se riesci a garantire ai clienti che il loro articolo sarà consegnato in modo rapido e sicuro, vedrai un aumento delle vendite e una diminuzione del tasso di abbandono del carrello.

Utilizzare foto e descrizioni professionali

È necessario assicurarsi che ogni pagina di prodotto abbia foto efficaci. Le foto possono essere inserite nella pagina stessa del prodotto o nelle pagine delle categorie. Assicurati che le foto siano chiare e di alta qualità. Se sono sfocate, non aiutano i clienti a prendere una decisione. Assicurati che ogni pagina di prodotto abbia delle buone descrizioni. Le descrizioni vaghe o piene di errori rendono difficile per i clienti prendere una decisione. Se la descrizione non è utile, i clienti non acquisteranno il prodotto. Assicurati quindi che le vostre pagine di prodotto siano ben scritte e includano tutte le informazioni di cui i clienti hanno bisogno per prendere una decisione.

Inviare email di follow-up con coupon di sconto

Un altro modo efficace per ridurre l’abbandono del carrello è l’invio di email di follow-up. Puoi inviarle qualche giorno dopo che un cliente ha visitato il tuo negozio per la prima volta. Queste email dovrebbero includere coupon di sconto e altre offerte speciali. Puoi utilizzare l’automazione delle e-mail per inviare queste news ai clienti. Puoi creare una campagna di automazione delle email che invii queste email ai clienti in base all’articolo che hanno visualizzato; puoi anche inviare email di follow-up dopo che un cliente abbandona il carrello e lascia il negozio offrendo sconti speciali e altri incentivi per incoraggiarli a tornare nel tuo negozio e completare l’acquisto.

Campagne di retargeting

Il retargeting è un modo molto efficace per ridurre l’abbandono del carrello e aumentare le vendite. Il retargeting consiste nel mostrare annunci ai clienti che hanno visitato il negozio ma non hanno acquistato nulla. Puoi utilizzare gli annunci di retargeting per incoraggiare questi clienti a tornare nel vostro negozio e completare i loro acquisti. Le campagne di questo tipo sono molto efficaci perché permettono ai clienti di ricordare il marchio e i prodotti a cui erano interessati. È possibile impostare gli annunci in modo da mostrare prodotti correlati agli articoli visualizzati dai clienti.

Chiaramente il problema dell’abbandono del carrello non sussiste quando il tuo ecommerce non è conosciuto, in quel caso il tuo problema principale è attirare clienti: ora che sai come riprendere le persone che abbandonano il carrello devi concentrarti a portarle da te, invogliandole all’acquisto. Oltre a lavorare sul branding del tuo eCommerce sfruttando diverse possibilità legate al digital marketing, noi di LinkEasy suggeriamo di investire molto nelle strategie di posizionamento SEO e in modo particolare sulla link building.

Come accennato precedentemente, è un fattore assolutamente fondamentale per farti trovare online e per rendere il tuo eCommerce un punto di riferimento. Se vuoi che il tuo shop aumenti il numero di visitatori e di vendite, ti suggeriamo di iniziare da subito con il nostro servizio di link building ad un prezzo promozionale che ti consente di ricevere il primo link con articolo incluso, oppure contattaci e risponderemo a tutte le domande per poter elaborare un piano personalizzato.

Provaci ADESSO

4,90+IVA (invece di 57€)
  • Offerta valida fino al 15 Ottobre 2022
  • Garanzia pubblicazione entro 7 GIORNI
  • Articolo di almeno 600 PAROLE
  • Non accettiamo i seguenti argomenti: Adult, Erotico, Gambling, CBD

Vuoi maggiori informazioni?

Contattaci
  • Per ricevere maggiori informazioni
  • Per pianificare una strategia personalizzata

Articoli correlati

keyword-research-stagionale

Keyword research stagionale: che cosa è?

La keyword research stagionale è un’attività fondamentale, soprattutto in determinati settori come, per esempio, quello del turismo, quello della ristorazione, dolciario e via dicendo. Tenere